Skip to main content

Postato: 21 May 2015 da Admin - Acorn Montascale Italia Sezione: Suggerimenti

Uomini anziani nel parco

L’invecchiamento globale della popolazione europea è un fenomeno che in Italia dovrebbe essere particolarmente sentito, visto che qui, oltretutto, il tasso di fertilità è tra i più bassi di tutti i paesi europei. Per questa ragione le politiche dell’UE in merito alla terza età dovrebbero coinvolgerci da vicino, considerando che si tratta di misure che dovrebbero renderci capaci di lavorare e stare in salute e attivi più a lungo.

Al di là dei problemi pensionistici, ovviamente. In Italia, al momento attuale, si può andare in pensione (di vecchiaia) al compimento dei 66 anni di età o quando si siano versati 41 o 42 anni di contributi (rispettivamente per gli uomini e le donne) nel caso della pensione di anzianità. La recente questione degli "esodati" lascia molti dubbi sulla possibilità dello stato di fornire un sussidio pensionistico reale a una popolazione che invecchia è una che ha più bisogno di cure mediche, di ausili per la mobilità, di aiuti casalinghi. E che perciò incide maggiormente sullo stato.

L’unione europea è sensibile al problema, che d’altra parte coinvolge una grande parte dei paesi membri; dopo che nel 2012 si è avuto l’Anno Europeo dell’Invecchiamento Attivo e della Solidarietà tra Generazioni, è stata anche lanciata una campagna per insegnare agli anziani a vivere bene grazie alle tecnologie: che ora, fortunatamente, esistono e che sono di grande aiuto soprattutto a quelle persone che hanno problemi motori o deficit visivi e che quindi non possono spostarsi in modo autonomo.

Commissione europea a Bruxelles

Nei paesi scandinavi e soprattutto in Norvegia, ma la tendenza è sempre più visibile anche in Olanda, l’indirizzo è quello dell’assistenza domiciliare, che risulta meno onerosa per lo Stato e che consente alle persone anziane di gestirsi meglio all’interno della propria abitazione. Per riuscire a fare questo passo avanti l’Unione Europea consiglia il ricorso a un’edilizia popolare, che possa al contempo risolvere i problemi delle persone anziane e dotate di scarso reddito e far ripartire un settore da anni in grave crisi. E auspica anche una modernizzazione delle abitazioni esistenti, con adeguamento delle strutture - ad esempio, la scala può essere integrata con un montascale - e banda larga (Internet può essere di grande aiuto anche per ricevere prescrizioni mediche a casa).

« Ritorna al blog